IRRIGARE A GOCCIA IL COTONE

Requisiti climatici della pianta del Cotone

Il cotone è una pianta che non tollerando le gelate, necessita di un clima caldo e soleggiato. I semi di cotone germineranno meno se la temperatura del suolo è inferiore a 15°C. Durante la crescita, la temperatura ideale deve essere compresa tra 21 e 37 °C. Temperature ben al di sopra dei 38°C non sono, difatti, condizioni adatte allo sviluppo di questo tipo di coltura. Ciò nonostante, la pianta di cotone può sopravvivere in media a temperature fino a 43°C, per brevi periodi e senza danni significativi. Le problematiche causate dalle alte temperature derivano dai livelli di umidità, quindi, per coltivare con successo le piante di cotone, non dovranno essere presenti piogge frequenti durante i giorni di maturazione (estate) e i giorni di raccolta (autunno).

Concimazione

Non esiste un unico schema di concimazione: ogni campo è diverso e necessita di esigenze diverse. L’analisi dell’acqua di irrigazione ed in particolare del suolo, almeno una volta all’anno, è estremamente importante per diagnosticare carenze di nutrienti e intraprendere azioni correttive sotto la guida di un tecnico di campo specializzato. Tuttavia, elencheremo a seguire i metodi più comunemente usati. Come prima regola empirica, la pianta del cotone consuma azoto (N) in quantità doppia rispetto al fosforo (P) e al potassio (K). Di conseguenza, un fertilizzante N-P-K 20-10-10 è più adatto se non è possibile eseguire un’analisi del suolo. Un programma di fertilizzazione standard usato da molti coltivatori di cotone consiste nell’aggiungere 200 kg di N-P-K 20-10-10 per ettaro durante la semina (attraverso la seminatrice) e 200 kg di N-P-K 20-10-10 per ettaro durante la fioritura per fertirrigazione (inizio estate).

Come irrigare la pianta del cotone

Secondo la letteratura agronomica, la pianta del cotone ha bisogno di un minimo di 500 mm di acqua tra la germinazione e la formazione del batuffolo. Coltivare piante di cotone per scopo commerciale, senza fornire un approvvigionamento idrico aggiuntivo, non è un compito facile anche perché tale specie botanica predilige i climi secchi e soleggiati. Il problema non è che la pianta del cotone ha bisogno di acqua per prosperare, ma che ha bisogno di acqua in periodi molto specifici durante il suo sviluppo (periodi critici).

Affidarsi solo alle precipitazioni non è una metodologia affidabile e non garantisce continuità negli anni. Nella maggior parte dei casi, gli agricoltori non irrigano frequentemente nel periodo tra la semina e la fioritura. Una volta che le piante fioriscono, i coltivatori di cotone iniziano ad irrigare più spesso, ogni 5-7 giorni, affidandosi anche a dati forniti da sistemi di rilevamento agro meteorologici. In circa 140 giorni dopo la semina o 45 giorni dopo la comparsa dei batuffoli, questi cominceranno ad aprirsi naturalmente lungo i segmenti dei batuffoli e inizieranno ad asciugarsi.

In quel periodo (verso la fine dell’estate), molti contadini interrompono l’irrigazione (o irrigano leggermente solo una volta ogni due settimane affidandosi a sistemi di bassissima portata) per aiutare il cotone ad asciugarsi più velocemente e meglio. Il sistema più diffuso utilizzato dagli agricoltori professionisti è l’irrigazione a goccia.

Raccolta e resa per ettaro

In media, possiamo raccogliere da 2 a 4 tonnellate di cotone per ettaro. Quello che raccogliamo dal campo si chiama “cotone non sgranato” e non rappresenta un prodotto commerciabile. Il cotone non sgranato deve essere sottoposto all’azione di una sgranatrice, ovvero una macchina che separa rapidamente e facilmente le fibre di cotone dai loro semi e altri oggetti. Si stima che la resa prevista del cotone sgranato è compresa tra 0,66 e 1,33 tonnellate per ettaro. È importante tenere presente che possono esserci deviazioni significative da queste cifre. In ogni caso, il corretto uso dell’irrigazione incrementa la quantità migliorando la qualità delle fibre.

Di seguito un esempio pratico di come irrigare a goccia il cotone

Schema impianto irrigazione del cotone irritec

Prodotti Irritec di cui hai bisogno per irrigare a goccia il cotone

1

P1®

Ala gocciolante leggera di alta qualità con gocciolatore a flusso turbolento progettata per l’irrigazione a pieno campo.
Di facile stesura ed installazione, è dotata di ottima resistenza all’occlusione. Disponibile in vari modelli capaci di coprire distanze fino a oltre 600 m.

P1 Irritec per l'irrigazione del cotone

2

TUBAZIONI IN LAYFLAT E RACCORDI

Tubazione monostrato in PVC flessibile rinforzato da un tessuto ad alta resistenza facile da maneggiare e riporre in magazzino. Agevola le operazioni di fine stagione per sistemi irrigui che necessitano di un rapido e sicuro spostamento. Leggero e flessibile ma allo stesso tempo resistente, riduce sia i costi dell’installazione che il tempo di recupero. Facile da tagliare e dotato di un’ampia gamma di connessioni fa del sistema di tubazioni in layflat un accessorio indispensabile per l’irrigazione del cotone a goccia. Disponibile da 2.4 a 6 bar, in tutti i diametri commerciali a partire dal 1 1/2” sino all’8”.

Tubazione per l'irrigazione del cotone

3

FILTRI IN METALLO

I filtri in Metallo Irritec® sono solidi e resistenti nel tempo. Possono gestire una grande varietà di portate. Sono disponibili modelli manuali o automatici per applicazioni sia su acque di canale che su acque di pozzo.

Filtri per l'irrigazione del cotone

4

FERTIRRIGAZIONE

I sistemi d’iniezione Irritec® sono affidabili e dal facile utilizzo. Consentono d’iniettare i fertilizzanti (liquidi o diluiti in acqua) a tassi d’iniezione compresi a tra 150 l/h e 1700 l/h (a seconda dei modelli).

5

RACCORDI E DERIVAZIONI PER ALA GOCCIOLANTE

Gamma completa per la connessione di tape, ala gocciolante leggera e classica, disponibili nelle misure 16, 20, 22, 23, 25 e 29 mm.

Raccordi impianto irrigazione irritec, cotone

Scopri come irrigare le altre colture

Irritec vuole semplificare la vita di chi cura le piante, per lavoro e per passione. Lavora perché ogni goccia sia impiegata al meglio, riducendo al minimo l’impronta ecologica e lo spreco delle risorse.

Il team agronomico di Irritec è vicino all’agricoltore anche in fase post vendita e installazione, con assistenza continua e controllo dell’efficienza. Continua attenzione al cliente per offrire soluzioni efficaci e sostenibili con un servizio puntuale ed efficiente.