IRRIGARE A GOCCIA IL FAGIOLINO

Inquadramento culturale ed esigenze pedoclimatiche

Il fagiolino (Phaseolus vulgaris L.) è una pianta annuale originaria del Centro-America, appartenente alla famiglia delle leguminose; la parte commestibile è rappresentata dall’intero baccello che si presenta tenero e carnoso poiché raccolto in una fase in cui i semi non sono ancora completamente maturi ed ingrossati. La coltura del fagiolino è ormai diffusa in diversi areali del globo; in Italia, le principali regioni specializzate nella coltivazione sono Campania, Veneto, Sicilia, Lazio e Puglia.

l fagiolino si adatta a quasi tutti i tipi di terreno, preferendo quelli profondi, freschi e ben drenati, con un modesto contenuto di sostanza organica e con pH compreso tra 5,5 e 7,5; non tollera i terreni molto calcarei, salini e ricchi di boro. Da un punto di vista climatico, essendo una specie macroterma, si adatta a climi temperato caldi; tuttavia, durante la crescita, mostra qualche difficoltà sopra i 35°C, con rischio di colatura dei fiori.

Esigenze idriche e irrigazione del fagiolino

Le esigenze idriche del fagiolino sono più o meno elevate a seconda dell’ordinamento colturale (coltivazione in pieno campo a ciclo primaverile-estivo o come coltura forzata realizzata in serra o in tunnel), e delle caratteristiche delle cultivar (nane/rampicanti, precoci/tardive). I volumi annui variano, pertanto, dai 1500 ai 3000 m3/ha: ad esempio, al variare del sesto d’impianto e del diverso habitus vegetativo delle piante (più o meno ramificate) si può avere un diverso grado di biomassa prodotta che si traduce in diverse richieste evapotraspirative e dunque differenti fabbisogni idrici.

L’irrigazione gioca un ruolo fondamentale nella coltivazione del fagiolino permettendone la più rapida entrata in produzione e migliorandone soprattutto le rese produttive. Nonostante, infatti, la pianta sia geneticamente predisposta per un rapido accrescimento vegetativo, l’irrigazione accelera il processo inducendo la pianta ad andare più velocemente a fiore e quindi a frutto.

I metodi irrigui raccomandati per la coltivazione del fagiolino sono quelli a microportata, che permettono di localizzare l’acqua pianta per pianta massimizzando l’uso della risorsa idrica. In ragione della ridotta distanza tra le piante sulla fila, Irritec propone ali gocciolanti leggere a nastro (Tape o eXXtreme Tape) o con gocciolatore piatto (P1 o P5) per un uso stagionale o pluristagionale.

Si consiglia una distanza ravvicinata tra i punti goccia (10-30 cm) in modo da creare una striscia umida lungo il filare. Nelle applicazioni più comuni si adotta la singola o doppia manichetta per filare, sotto telo pacciamante, una soluzione che, consociata a turni irrigui brevi e frequenti, consente di mantenere costantemente umido il profilo di suolo lungo il filare e contenere la crescita delle erbe infestanti.

Filtrazione

Per salvaguardare le ali gocciolanti da possibili occlusioni e mantenere alte le performance dell’impianto irriguo nel tempo è fondamentale prevedere un accurato sistema di filtrazione. La scelta del miglior filtro per l’impianto irriguo dipende dalla natura della fonte di approvvigionamento idrico e quindi dal grado di sporcizia dell’acqua.

Ciascun modello di ala gocciolante richiede inoltre uno specifico grado di filtrazione per poter funzionare correttamente. Irritec propone un’ampia gamma di filtri, in grado di coprire le più svariate esigenze aziendali.

Fertirrigazione e automazione

Il fagiolino è una coltura che si adatta bene anche a terreni poco fertili, ma la brevità del ciclo e quindi la velocità degli assorbimenti, rendono necessaria la presenza di adeguate dotazioni nutritive nel terreno.

Nonostante l’azione dei microrganismi azotofissatori, il fagiolino si avvantaggia delle concimazioni azotate, purché frazionate e non troppo abbondanti per non causare un eccesso di vigore della pianta oltre che colatura dei fiori, maggiore incidenza di attacchi botritici e, se con un rapporto fortemente sbilanciato rispetto al potassio, anche maggiore incidenza alla ruggine.

Oltre all’azoto, è importante dotare il terreno, nelle giuste proporzioni, degli altri due macroelementi Fosforo e Potassio e, qualora ve ne fosse necessità, anche di microelementi come Ferro, Calcio, Magnesio, Rame, Molibdeno, Zinco e Manganese. Sono da evitare gli eccessi di Boro e Cloro. A tal fine, Irritec propone soluzioni innovative e flessibili per qualsiasi tipo di azienda, dalla più piccola alla più evoluta in termini di estensione e tecnologia.

Tra l’ampia gamma di fertirrigatori proposti dall’azienda, quelli che più si prestano alla coltivazione del fagiolino sono il Ferticlick ByPass che permette il dosaggio di una sola soluzione nutritiva in maniera proporzionale o volumetrica con Venturi, o ancora il DosaBox Junior Automatic che si adatta perfettamente alle colture estensive di pieno campo permettendo di dosare in maniera proporzionale fino a 3 fertilizzanti diversi e monitorare contemporaneamente il pH e l’EC dell’acqua di irrigazione.

Nel caso in cui si voglia gestire separatamente il canale dell’acido, la soluzione Irritec ricade sul Dosabox Junior Advanced dotato di programmatore Commander NPK in grado di gestire i 3 fertilizzanti in modo volumetrico o a target di EC + l’acido a correzione tramite valori impostabili.

Di seguito un esempio pratico di come irrigare a goccia il fagiolino

schema impianto irrigazione fagiolini

Prodotti Irritec di cui hai bisogno per irrigare a goccia il fagiolino

1

P1® – Irritec Tape®

Manichette di alta qualità con gocciolatore a flusso turbolento progettate per l’irrigazione a pieno campo. Di facile stesura ed installazione, sono dotate di ottima resistenza all’occlusione. Disponibili in vari modelli capaci di coprire elevate lunghezze con la massima uniformità di erogazione.

P1 e Irritec Tape irrigazione del fagiolino

2

TUBAZIONI IN PE E CONNECTO ™

La linea di raccordi a compressione Connecto™ per il convogliamento di fluidi in pressione, particolarmente indicata per impianti di irrigazione e giardinaggio, si distingue per la grande velocità e semplicità di montaggio.

Tubi per irrigazione del fagiolino

3

FILTRI

I filtri Irritec® consentono di avere la migliore protezione filtrante per ogni sistema irriguo. La struttura semplice e sicura, frutto di un’accurata tecnologia costruttiva, riduce al minimo la necessità di interventi di manutenzione. Resistenti agli sbalzi di pressione e alle sollecitazioni esterne, i filtri sono caratterizzati dall’elemento filtrante robusto e flessibile. La tenuta idraulica è assicurata anche ad elevate pressioni e gli elementi filtranti garantiscono la massima efficienza di filtrazione. La varietà di gradi di filtrazione disponibili (da 20 a 450 mesh) è in grado di soddisfare tutte le necessità di filtraggio.

Filtri per irrigazione del fagiolino

4

FERTIRRIGAZIONE

I sistemi d’iniezione Irritec® sono affidabili e dal facile utilizzo. Consentono d’iniettare i fertilizzanti (liquidi o diluiti in acqua) a tassi d’iniezione compresi a tra 150 l/h e 1700 l/h (a seconda dei modelli).

Fertirrigatori Irritec per il fagiolino

5

RACCORDI E DERIVAZIONI PER ALA GOCCIOLANTE

Gamma completa per la connessione di tape, ala gocciolante leggera e classica, disponibili nelle misure 16, 20, 22, 23, 25 e 29 mm.

Raccordi irrigazione per fagiolini

Scopri come irrigare le altre colture

Irritec vuole semplificare la vita di chi cura le piante, per lavoro e per passione. Lavora perché ogni goccia sia impiegata al meglio, riducendo al minimo l’impronta ecologica e lo spreco delle risorse.

Il team agronomico di Irritec è vicino all’agricoltore anche in fase post vendita e installazione, con assistenza continua e controllo dell’efficienza. Continua attenzione al cliente per offrire soluzioni efficaci e sostenibili con un servizio puntuale ed efficiente.